Articoli

Lassème che mi perda i sentimenti
girando a far gnente e scoltando
la vosse del tempo a la bassa;

lassè che me perda a sercare
le cese che ormai le someia
a man de butini in preghiera
par tègnar in alto anca l’orlo del ciel:

i è cese ficà a la remocia
par drento el sospiro de i argini
che pocia el penel ne la luna.

Lassè che mi impara la strada,
adesso che o perso anca i giorni
de sol e la nebia me manda
a dormire più presto.

Lassè che me imbroia nel fredo
de i me simiteri, lassè che se sveia
profumi de mile memorie:

che forsi atraverso el dugale de i sogni
ritrovarò el sentier
par rivar fin casa,
par sempre.