Articoli

Le cascarà,

segà da la messora

de I’inverno,

le stele che gò strapiantà

da mi mi solo.

 

Le cascarà,

beùde da la note,

ne i brassi de’l silenzio

che m’à sbiancà le veie

e le ilusion.

 

Le cascarà

e a l’obito de i sogni

no vegnarà nessun:

el cel, le stele, le speranze

me i ò guernà da solo

e penso che sia giusto non segnarse

e che no bata boti

de campana.