E ti no te parlavi

quasi mai…

e s’era mi che te scoltava

quando la sera, straco

da le giornade massa longhe,

te me tolevi su

e vardandome

te me fasei parlar…

…Mi deventava un libro verto,

na pagina zà leta

de’l giornal…

e la to vosse l’era na caressa

che se posava

come un’ala bianca

su i me quaderni con le recie,

su i compiti de scola

su i buti massa garbi

de i me giorni…

Te si ‘ndà via,

un dì de magio,

tasendo e senza disturbar…

tanti anni fà…

e pur me fioi

che no i t’à conossù,

che no i gà mai podù

scoltare i to silenzi,

che no i gà mai pocià

la pena de i to sogni

ne’l to ciel seren,

quando l’è sera, i sente

la vosse de so nono

che la va par casa…

… e ti no te parlavi

quasi mai…