Vien zò la sera, viola de paura,

e na scarpìa de nebia la se inroia

tra le parole, morte pena nate.

 

Casca i minuti, come in angonia,

sora la facia in dò batalie perse

s’à zà scavà la busa e i croa su i piati.

 

Sempre più soli, su na barca in doe,

fondemo remi curti nel silenzio

e un fredo mai finì scombina l’onda

 

del mar dove se nega la tivù.