De ti no m’è restà

che el to rosario

picà sora del leto

sora la facia de un Gesù

scarnado da i dolori.

 

Gnente de ti,

gnanca el cognome,

gnente, più gnente

de quel che t’è passà,

de quel che t’è provado

a regalarme in vita.

 

Gente, gnanca i to giorni

strussiadi su un letin

bianco de fero

spetando de ponsarte,

spetando de morir.

 

Anca el ricordo el vien

sempre più sbiavo

e la to vosse l’è inibià

e fasso sempre più fadiga

a indovinarla

in meso al ciasso de la vita.

 

Ricordo solo le ultime parole

che sfarfalava drento el sol

de na dominica de marso

e che t’è sussurà

prima de ‘ndare via;

 

el resto l’ò fruà

sul cavaion de l’ultima medanda

e ò falivà el formento

de quel che t’è insegna.

 

Desso,

più in là del to rosario,

no gh’è gnente, solo la facia

de un Dio scarnado da i dolori

come i to giorni

che no i finiva mai de rebutar

nel pianto.