A la to porta

La luna de i ricordi l’è zà morta,
la pingola in silensio dal paiar,
e mi son qua che baca a la to porta
spetando na risposta al me ciamar;

son restà solo e no no gò sentimenti
da sgateiarte par parlar de amor,
i giorni i se destira e i passa lenti
sul leto de na storia che la mor.

Sensa na fede che me rassicura
son qua che bato a la to porta ancora
ma no gò più speranse e la paura
la incioda le parole par de fora.

Sul muro in strada el glicine l’è morto
come i me pugni, come i me ricordi
che gò lassà tacà al portel de l’orto,
come i sorisi sempre fredi e sordi

cressudi sensa aver mai visio el sole.
No credo a gnente, prego angora manco,
parlo a dispeto, s-gendo le parole,
consumo la preghiera e sul me banco

in cesa gh’è la polvar da spassar.
Solo, me cucio, avanti a la porta:
no gò più margarite da sfoiar;
la luna pena nata l’è zà morta.

Compleano

Su i passi sordi del me caminare
vardo la strada orbada de tramonti,
vedo le curve strete, le pontare
che in fondo al cel me scurta i orisonti.

Sora el stradel de i sogni more i fiori,
fiori de carta come fassoleti
de tanti ciao mucià ‘n coste a i amori
More le storie e, a pian, anca I segreti

i se ingateia e inrufa sempre pIù.
Vien sù a la mente tante face nove
perse ne i ani bei de gioventù.
ma su la strada de i me sogni piove

scravassi de memoria malingreta.
In fondo ai me sentieri gh’è na stela
che vien a far i auguri al so poeta:
ma no gh’e un can che impissa na candela.

E

E mi che me credea d’èssar  poeta

e me in gloriava parché restelava

fossi de rime e gnanca me incorzea

che I’era solo un rugolon de vento

quel che scambiava par na sintonia

 

e ò tamisà parole cavà sù

dal fondo del desmentegon

e gò confuso versi malgualivi

come I me giorni sopi

nel talingar de mile rime

e de assonanse

 

e ò perso par la strada I’armonia

de primavere lucide e serene

iluso che le fusse la me dota,

e gò fondà nel lumegar de note

parole nove che le se sforsava

in gola a farse vive

 

così me son catà a zugar

con la me solitudine

e a incoconarme da mi solo

in versi sensa cao

che no capiva mai nessun

 

e l’è el castigo che m’ò mertità

parché ò sempre contà d’essar poeta.

Ombre

Le ombre vien longhe e più no le camina

Le sconde la paura e el baticor

Tra odor de cessi e spussa de cusina:

le ombre che vien da i campi, dal sudor

 

le porta fissi drento la memoria

ricordi scriti in pressia su la sabia,

ricordi scanceladi de la storia.

Cagnon con le so bale e la so rabia,

 

Molon sarte e berbier, i marangoni

tra odor de cola e ciasso de martei;

ombre che à molà in pressia i acquiloni,

che solo in sogno i riesse a far su schei;

 

ombre pitoche, magre, rassegnà,

lustre dal tempo e slise come el toni

de Tombola che in fondo a la contrà

el giusta camardarie c copertoni,

 

Ombre che spande odore de vin mato

De sugoli e de cola garavela,

Ombre de un imbriago, ombre de un gato

che pianze par la luna o par na stela.

 

Le par fantasmi spaventà dal gnente

Le conta storie cavà sù dal scuro,

ombre disperse, ombre de la gente

che ancora la se posta in coste al muro

 

par far passar el sindaco o el dotor,

e drento el tanfo del tabaco verde

che segna le butele fin nel cor,

se scaia la memoria che se perde

 

nel gropo amaro de na malatia

e strina anca el servel de ci la ciapa.

Ombre a sant’Ana, ombre che va via,

che no gà tempo, che oramai le scapa.

 

Boschi Sant’Ana

Un sogno piassè longo de la strada

che da la cesa me menava al Bosco,

un sogno bianco come un nissolin

picà su na finestra de la corte.

 

Drento quel sogno gò cunado i ani

verdi, color del sol, de campi e d’erba.

Sant’Ana, el primo e l’unico paese

che m’à slevà impinando de bandiere

 

i desideri grandi e le speranse

che tamisava a l’ombra de la sera

tra i boti fondi de le me campane

molà ne l’aria come na preghiera.

 

Sant’Ana, in dó le case le lassava

le porte sempre verte su la strada

e dove i fossi i sverdegava a marso

zugando a ciupascondi con el sol.

 

Desso Sant’Ana à scancelà la storia,

el Bosco el vive de ricordi sbiavi

e sui quarei de corte Passarin

se gà desmentegà fin le memorie.

 

Case inciavade in coste a quei che passa

le segna el tempo de la solitudine;

serade le ostarie, nel simitero

i cava i morti in pressia, come i fusse

 

s-gende de storia che le fa paura.

Un pugnetin de pane

M’avevo inamorà de un to difeto,

non dei bei oci verdi o del soriso,

ma dele pane rosse, de un pugneto

de sol in s-gende spampanà sul viso.

 

Ti invesse te t’avei incantà a scoltar

i scarni versi mei, timidi e inchieti

che me iludea de scrivar par bearar

i nostri sogni ancora buteleti.

 

Dopo t’è perso tuto e in un momento

gh’è stà ci t’à imbroià e ‘mpinà la testa

lassandote le man nude de vento.

Ѐ rivà giorni carghi de tompesta

 

e mi ò smorsà i me versi e le canson

e ò scancelà le rime a la poesia;

cossì, poeta triste, a girondon,

gò perso i sogni con la fantasia.

 

Desso rancuro fregole de storia

de un amor grando scancelado via

e in fondo al calto de la me memoria

cato a le volte na fotografia

 

sbiadìa come le fole sensa date

che me ricorda, insieme a la to vosse,

la luce de na pel, bianca, de late

e un pugnetin de pane vive e rosse.

Lassème che mi perda

Lassème che mi perda i sentimenti
girando a far gnente e scoltando
la vosse del tempo a la bassa;

lassè che me perda a sercare
le cese che ormai le someia
a man de butini in preghiera
par tègnar in alto anca l’orlo del ciel:

i è cese ficà a la remocia
par drento el sospiro de i argini
che pocia el penel ne la luna.

Lassè che mi impara la strada,
adesso che o perso anca i giorni
de sol e la nebia me manda
a dormire più presto.

Lassè che me imbroia nel fredo
de i me simiteri, lassè che se sveia
profumi de mile memorie:

che forsi atraverso el dugale de i sogni
ritrovarò el sentier
par rivar fin casa,
par sempre.

Cape de mar

Cape de mar le me parole,

cape dememorià che à perso

la verità drio de i canai

de vento de l’inverno;

 

cape che no risponde

a le domande che me fasso,

cape che tase la busia

de l’onda rente a le me rece;

 

anca i discorsi, in pingolon

de i boti de campane

che rugola par tera

acompagnando i morti che va via,

i se scunisse a ogni minuto.

 

La storia l’è un bicer de sal

inglese, l’è un cuciaro raso

de oio de merlusso:

le fole che ogni giorno

la se inventa

le svenega a distansa

de un sentenar de secoli.

 

E mi gò da imparar

tuto a memoria

sensa capir, a volte,

quel che me conto.

Da bocia

Da bocia i sogni i me vegnea più grandi

e no i finiva mai, gnanca a matina

e a la finestra gh’era sempre el sol.

I sogni i me fasea da batistrada

 

e i me sentieri i era larghi e ciari.

Spandea bandiere grande verte a l’aria

e olande spalancade in boca al vento

ne la speransa de orisonti novi.

 

Desso, da vecio, i sogni i è più curti

i nasse e i è zà bei pronti a morir,

ne le nigosse frede del silensio

se sbiava le albe che no gà colori.

 

E morirò così, in un sial de nebia

spetando el sol, come un bogon a otobre

su la marogna moia da i rimpianti

de n’esistensa picà via nel scuro.

De ti, mama

De ti no m’è restà

che el to rosario

picà sora del leto

sora la facia de un Gesù

scarnado da i dolori.

 

Gnente de ti,

gnanca el cognome,

gnente, più gnente

de quel che t’è passà,

de quel che t’è provado

a regalarme in vita.

 

Gente, gnanca i to giorni

strussiadi su un letin

bianco de fero

spetando de ponsarte,

spetando de morir.

 

Anca el ricordo el vien

sempre più sbiavo

e la to vosse l’è inibià

e fasso sempre più fadiga

a indovinarla

in meso al ciasso de la vita.

 

Ricordo solo le ultime parole

che sfarfalava drento el sol

de na dominica de marso

e che t’è sussurà

prima de ‘ndare via;

 

el resto l’ò fruà

sul cavaion de l’ultima medanda

e ò falivà el formento

de quel che t’è insegna.

 

Desso,

più in là del to rosario,

no gh’è gnente, solo la facia

de un Dio scarnado da i dolori

come i to giorni

che no i finiva mai de rebutar

nel pianto.