Gò perso la poesia;

non me ricordo più l’ultima volta

che l’ò serada in mente;

 

desso la serco drento i libri veci,

ne i versi sbandonà

sora le laghene e drio i fossi.

 

Forsi l’ò persa drento el calto de le rime

o nel borsel de endecasillabi

opur nel fail del me compiuter.

 

La sercarò drento i coriandoli

del sol che me faliva a le finestre,

nel zaino del desmentegon,

nel ciacolar de i veci a l’ostaria.

 

Sensa poesia mi son restà più solo,

gò perso el me compagno,

el me serafo al zugo de le carte;

m’è restà in man tre carte tute istesse.

 

Gò perso la poesia

e dir che gò quaderni ancora bianchi

da impinar

par rancurar parole che le gabia

un senso o un sentimento

par essar ricordà.