I veci

no i è gnanca più boni

a bastiemar,

i lima le parole

tra le zenzive senza denti

e tuto  resta in fondo

drento el stomego

con la paura

de vegner a gala.

 

I veci i se resenta l’anima

da soli

no i serca mai né ciese

né confessional.

I lava el segno de la note

drento la sguassa fresca de le albe

che no va a questua de orassion

e i prega de campar

par la paura de morir da soli

e sensa dignità.

 

I veci i è cerniere ruzenìe

bone da custodir tanti segreti

ma che oramai

no gà bisogno

gnanca più de ciave.