Quando la note a i copi de le case

la ghe regala el sono a la fadiga

quando che i campi e i fossi intorno i tase

e el vento più no’l ciacola e no’l siga

 

e el va sponsarse chieto tra i salgari,

quando la luna la se fa de late

e la ricama i rami de i pomari,

quando le stele zuga e le par mate

 

… pol capital che nel silensio fondo

te senti un lamentarse de preghiere

che l’è el cantare straco de sto mondo.

Ma più che un canto el par un miserere

 

par le ilusion sfantà nel laorar duro

par el tasèr de stele morte in pressia

e arcobaleni spotacià su un muro.

I è le spose che a matina se desmissia

 

e che le impissa strache un lume bianco

sora l’altare de un amor finìo.

I è pori cristi che no gà gnan ‘n franco

e i fa fadiga anca a sperar in Dio.