I veci iè come ombre ne la storia

che le se slonga pena el sol se straca,

i vive e i segna el tempo a la memoria

fin quando el fil de luna el se destaca

 

e quei che resta i sente el gnente intorno.

I veci i vive ne i ricordi ancora

ma i se consuma pian, giorno par giorno,

come na foto che la se scolora

 

colpa del smorsegon de un sol catìo…

i veci i se scamcela el lume a i oci,

no i è più boni gran de pregar Dio,

i da fastidio e i béca fà i pioci.

 

I veci i more soli, col so mal

e i perde el nome scrito su le piere

che al Campo le se sbianca, par el sol,

infin che i cava su foto e preghiere.

 

I veci i è giornai de un ano fa:

i è carghi de notissie, d’esperiensa,

ma ormai nessun li lese e nessun sa

cossa che i sconde ne la so sapiensa.

 

I vive in sbalio tuti i giorni e le ore

e i fa anca de pecà se no i è in casa.

I veci a sangue fredo in fondo al core,

co i orologi fermi e sensa rasa,

 

i passa el tempo a sassinarse drento

a scondar pianti che vorìa ‘ndar fora;

i veci i paga el tristo testamento

che par campar de più bison che i mora.